Scavando nel passato: Anno 2016, Parte 1

Finora Mecenate Povero ha indagato il passato delle Self Area di Lucca Comics con un’apposita rubrica, intitolata “Self Area del passato“. Da qualche tempo però abbiamo deciso di allargare la nostra indagine e di scavare nel passato delle autoproduzioni italiane, con degli articoli pensati appositamente per ogni annata: per questo motivo la rubrica si allarga, diventando “Scavando nel passato“!
Ogni annata sarà “esplorata” con almeno due articoli, uno dedicato ad uno sguardo più generico e l’altro un po’ più approfondito.

Per motivi che al momento non possiamo ancora svelare (eh eh eh), abbiamo deciso di partire dall’annata 2016, un anno per noi importante perché fu proprio in quel periodo che iniziammo ad interessarci ai fumetti autoprodotti. E che anno!

Ma vediamolo meglio nel dettaglio insieme…


Nuovi collettivi

Amianto Comics

Associazione culturale fondata dai tre sceneggiatori Alessandro Benassi, Matteo Polloni e Federico Galeotti, che cominciarono a collaborare con diversǝ fumettistǝ per lanciare la rivista Amianto. Nel 2016 pubblicarono il numero zero e il numero uno della rivista.

Blankets

Collettivo formato da Giulia D’Ottavi, Giada Lorenza Marchisio, Francesca Kaisy Vivaldi, Elisa Pocci Pocetta, Roberta Pierpaoli e Roberto Migliaccio. Nel 2016 pubblicarono lo sketchbook Pan-Time-Onium, ispirandosi a diversi generi narrativi.

Gravure

Realtà indipendente nata su iniziativa di Matteo Lupetti insieme ad Ilaria Apostoli che propone l’omonimo contenitore di storie a tematica horror, realizzato in risograph. Nel 2016 pubblicarono il primo volume.

Attaccapanni Press

Etichetta indipendente curata da Ariel Vittorio e Laura Guglielmo che cominciò la sua attività con il volume Grimorio, il primo di una serie di antologici finanziati in crowdfunding. La raccolta uscì anche in edizione variant.

Masnada

Collettivo di fumettisti erede dell’etichetta Crossover Gangbang, nata all’interno della community di Verticalismi. Nel 2016 pubblicò Zakk Void n. 0, Cartoonist in the box n. 3, Cherry Bikini, Rot Tales. Rosencrantz e Guildenstern n. 1 e My Little Antichrist n. 2.

Festival e fiere del 2016 (dedicati alle autoproduzioni o con una self area)

Autoproduzioni premiate

  • Lucca Comics / Menzione per la Miglior Autoproduzione
    Manticora Autoproduzioni
  • Premio Attilio Micheluzzi / Candidati Miglior Webcomic
    From Here to Eternity, Francesco Guarnaccia (Mammaiuto)
    Vivi e Vegeta, Francesco Savino e Stefano Simeone (Wilder) – vincitore
    Ross, Claudia Razzoli (Mammaiuto)
    To Be Continued, Lorenzo Ghetti
    Rusty Dogs, Emiliano Longobardi e AA.VV.
  • Premio Attilio Micheluzzi / Candidato Miglior Storia Breve
    Per sempre Altrove / Altrove per sempre, Francesco Guarnaccia e Lorenzo Ghetti (Mammaiuto)
  • Premio Boscarato / Candidati Autore Rivelazione
    Greta Xella su Karmapolis (Ren Books) e Amazzoni (Passenger Press)
    Martoz su Remi Tot in Stunt (MalEdizioni) – vincitori
  • Premio Boscarato / Candidati Miglior Fumetto Web
    GdG: Gentilezze da gentiluomini, Eugenio Belgrado
    Restiamo sdraiati qui per sempre, Federico Chemello e Alberto Massaggia
    Vita con Lloyd, AA.VV.
    Carlo Lorenzini, AA.VV.
    Tumorama, Pablo Cammello
    Labadessa, Mattia Labadessa – vincitore
  • Premio Boscarato / Premio Pixartprinting per la Migliore Autoproduzione
    Blanca e Manticora Autoproduzioni (parimerito)
  • Altri fumetti messi in evidenza dai portali di fumetto italiani
    Cardo/Decumano n. 1-2, Andrea Settimo (Delebile)
    Come Svanire Completamente, Alessandro Baronciani
    Armata Spaghetto n. 1, Collettivo Sciame
    Manzone, Ugo Schiesaro (Delebile)
    Millennials, Lorenzo Ghetti e Claudia Razzoli
    La fine dell’estate, Giulio Macaione
    Le Piccole Morti, Manticora Autoproduzioni
    In Mass Media Res, McGuffin Comics
    Kimeramendax, di Kuro Jam
    Grimorio, di Attaccapanni Press
    Amianto, di Amianto Comics
    Crisma, Lab.Aquattro

Intorno all’autoproduzione


Ci siamo lasciati sfuggire qualcosa?
Sicuramente sì! Per segnalazioni, correzioni e quant’altro, puoi mandarci una mail a mecenatepovero@gmail.com

Questo contenuto è stato prima offerto alle sostenitrici e sostenitori del nostro Patreon